Scheda del Sindaco

sindaco@comune.santeodoro.me.it

     
 

 Nome: Salvatore AGLIOZZO
 Data di Nascita: San Teodoro 16-04-1962
 
 Eletto nella Lista "Progetto Comune per S.Teodoro"

Imprenditore agricolo con attestato conseguito nell’anno 1992. Ha conseguito la maturità Scientifica nell’anno scolastico 1980/81 presso il Liceo Scientifico “E. Fermi “ di Sant’Agata di Militello.
Nell’anno scolastico 91/92 ha conseguito il Diploma di Ragionerie e Perito Commerciale.
Ha ricoperto la carica di Presidente dell’Associazione Sportiva san Teodoro, dal 23.6.86 al 28.6.92 e di Presidente del Circolo Massai dal 6.1.89 al 4.2.95.

In campo politico ha ricoperto la carica di Assessore nel Comune di San Teodoro, con delega allo Sport, Turismo e spettacolo, Agricoltura e Foreste, Bilancio e Finanze, dal 1994 al 1998.
Promotore verso le aziende agricole di San Teodoro, per l’introduzione dell’agricoltura Biologica, ottenendo eccellenti risultati in circa 70 aziende agricole.

Sposato nell’anno 90 con Alia Maria è padre di Luca e Roberta. 

 
   

 

 
 
 
 
 
Baby Sindaco
 

Nome: Giuseppe VIRZI'
 Data di Nascita: Bronte 25-11-1997
 Data Elezione: 28-10-2009
 Data Nomina: 30-10-2009
 Eletto nella Lista N° 3 "Unione"

Virzì Giuseppe frequenta la classe II Sez. C della Scuola Secondaria di I grado di San Teodoro
  • - Studia Musica
  • - Ama leggere, soprattutto libri di narrativa
  • - Sport preferito il Calcio e tifa per la Juve
  • - è stato sempre promosso con il massimo dei voti.

 
 
Il Baby Consiglio Comunale svolge la propria attività in modo democratico, libero ed autonomo secondo le modalità disciplinate nel regolamento.
Tale organismo ha funzioni propositive e consultive, da esplicare tramite parere o richieste d’informazioni nei confronti del Consiglio comunale e della Giunta della città, sui temi e problemi che riguardano la complessa attività amministrativa del Comune, nonchè le varie esigenze ed istanze che provengono dal mondo dei ragazzi.
Il Baby Consiglio esercita, inoltre, funzioni propositive nell’ambito delle materie di cui al successivo Art. 15 mediante deliberazione.
Ove le stesse non contrastino con disposizione di legge e non superino gli stanziamenti previsti in bilancio, ai sensi del successivo Art. 14, potranno essere recepite con atti dei competenti organi Comunali.